Biennio 2000-2001: a maggio previsti 3 raduni per la “Generazione Olimpica”

Biennio 2000-2001: a maggio previsti 3 raduni per la “Generazione Olimpica”

Maggio è anche il mese dei giovani, non solo quello dei playoff scudetto. Sono previsti, infatti, tre raduni per i ragazzi nati dal 2000, appartenenti alle società di Serie A, Serie A2 e Serie B. L’iniziativa è della Divisione Calcio a cinque, in collaborazione con il Club Italia della FIGC, in relazione alla rimodulazione delle Nazionali giovanili di calcio a 5, e si dividerà su tre macro-aree: Nord, Centro e Sud. Nei prossimi giorni saranno ufficializzate le date e le sedi.

Questa iniziativa della Divisione, unitamente al prossimo raduno di Novarello (6/10 maggio), e alla visionatura delle fasi finali dei campionati giovanili diventano propedeutiche alla formazione del gruppo nazionale che a fine giugno (28 giugno – 2 luglio) parteciperà al Torneo di Sviluppo Uefa in Portogallo insieme a Spagna e Olanda oltre, ovviamente, ai padroni di casa.

Il biennio 2000/2001 – definito anche “Generazione Olimpica” – è fondamentale perché condurrà ai Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires (dove il futsal ha sostituito il calcio) previsti tra l’1 e il 12 ottobre 2018.

Inoltre, a seguito delle recenti decisioni emanate dal Comitato Esecutivo UEFA, il calendario internazionale per il prossimo biennio è stato integrato con i Tornei di Sviluppo Under 17 (calciatori e calciatrici nati nel 2000 e 2001) svolti sotto l’egida della UEFA e con le competizioni propedeutiche al nuovo Campionato Europeo UEFA Futsal Under 19 maschile (2019, sede da definire).

“Ritengo necessario – ha commentato il presidente della Divisione Calcio a cinque, Andrea Montemurro – visionare i nostri talenti in modo più accurato possibile per consentirgli di mettersi in mostra e confrontarsi a livello internazionale e vivere esperienze importanti di crescita non solo dal punto di vista sportivo ma anche dal punto di vista umano”.

“I tre raduni che avverranno nelle prossime settimane consentiranno di completare l’attività di valutazione dei ragazzi nati dal 2000 – ha spiegato il commissario tecnico della Nazionale italiana, Roberto Menichelli -, che poi comporranno la squadra che nei prossimi mesi giocherà le competizioni internazionali future”.