Arzignano, Stefani fa il bilancio: un 2016 da 50 punti e tanti applausi

Arzignano, Stefani fa il bilancio: un 2016 da 50 punti e tanti applausi
Passato il Natale col sorriso del secondo posto in classifica, in casa Arzignano dopo la settimana di svago è tempo di tornare ad allenarsi col mirino puntato su sabato 7 gennaio quando ad aprire il nuovo anno ci sarà la prima di ritorno col Cagliari ospite al PalaTezze. Tempo di bilanci con mister Stefani che si gode il momento d’oro dei suoi ragazzi culminato con una cena tinta di quattro colori: il bianco e il rosso del cuore arzignanese uniti al giallo e al celeste del main sponsor MB Conveyors che ha voluto festeggiare un 2016 da protagonisti assieme a tutta la famiglia del futsal made in Arzignano, un 2016 solare che ha visto Marcio e soci conquistare la bellezza di 50 punti totali, 20 nel girone di ritorno dello scorso anno chiuso con un sesto posto finale e 30 messi in cascina con un’andata quasi perfetta chiusa a due punti dal primo posto del PesaroFano. “Un 2016 importante dal punto di vista dei numeri e dei risultati – spiega mister Stefani – sono molto felice di averlo chiuso così, in maniera quasi inaspettata perchè si volevamo essere competitivi ma in pochi avrebbero scommesso sul nostro secondo posto al giro di boa. 50 punti conquistati da tutta la famiglia biancorossa, dai ragazzi che vanno in campo, dal mio staff che lavora in modo impeccabile, dagli sponsor e dalla società che non ci fa mancare nulla. Tanto lavoro di tante persone tutte importanti per la causa, un lavoro che di settimana in settimana è andato a migliorarsi in tutti gli aspetti con una crescita che ci ha portati fino a qui”.
Dalle dimissioni al secondo posto, un anno al top.
“Se il motore ha i cavalli giusti sul campo riesce ad esprimere quello che voglio io. Ho la fortuna di avere uno staff di alto livello per la categoria e me lo tengo molto stretto. Quando lo scorso anno ho rassegnato le mie dimissioni ero arrivato ad un punto che non riuscivo ad essere efficace. Mi hanno voluto tenere a tutti i costi e modificando qualcosa nella squadra siamo riusciti ad arrivare fino a qui con una grande cavalcata di successi”.
Adesso ad Arzignano si può sognare?
“Abbiamo un grande gruppo, coeso e compatto ma il difficile viene adesso perchè le avversarie si sono rinforzate molto nel mercato invernale e noi abbiamo qualche pedina importante a mezzo servizio per acciacchi vari. Prometto ai nostri tifosi che non smetteremo mai di lottare anzi, lo faremo ancora di più di quello che abbiamo fatto fino ad oggi per migliorarci di sabato in sabato e dare il massimo per restare nelle posizioni d’alta classifica consapevoli che non sarà per nulla facile”.
Dopo il pari col PesaroFano l’infermeria ha accolto tre big, come stanno?
“Amoroso il nostro bomber ha un ginocchio malconcio ma conoscendolo se può giocare sarà sempre in campo. Javaloy tornato dopo la settimana di riposo a casa con la famiglia si sottoporrà ad alcuni esami per accertare l’entità dello stiramento. E poi c’è anche Santana che nell’ultimo mese ha sofferto di un problema muscolare. Anche lui ha stretto i denti e continuerà a farlo”.
Giovani comunque sempre pronti.
“I giovani sono un punto importante per la nostra rosa, davanti a loro hanno dei big che a faticano concedono spazi ma durante la settimana si allenano tanto e bene e quando do loro dei minuti rispondono sempre in maniera positiva in partita. Nel girone di ritorno conto di farli giocare di più, sono molto interessanti e meritano di non essere solo comparse in serie A2 ma protagonisti attivi”.